Nel segno di Lukaku: l’Inter è agli ottavi di EL

Nel segno di Lukaku: l’Inter è agli ottavi di EL


Di:

27 Febbraio 2020 Alle 23:07

Nel surreale clima di un San Siro a porte chiuse, l’Inter archivia i sedicesimi di finale di Europa League vincendo anche il ritorno con il Ludogorets. I bulgari, ai quali serviva un miracolo per ribaltare lo 0-2 subito a Razgrad, sono riusciti anche a passare in vantaggio con Cauly, prima di subire il il 2-1 firmato Biraghi-Lukaku, tutto nel primo tempo.

Ancora Romelu Lukaku decisivo, con la 23esima rete nella sua prima stagione nerazzurra: dopo il rigore trasformato all’andata, il belga ha timbrato il cartellino anche nella gara di ritorno. In maniera piuttosto fortunosa, a dire il vero: dopo la prima respinta di Iliev, proprio sulla girata del 9 nerazzurro, la sfera è carambolata di nuovo sulla testa di Lukaku, per poi insaccarsi. Ma l’ex Manchester United sta dimostrando, di settimana in settimana, che sa far gol in ogni modo; tanta generosità nei suoi prima mesi e non troppa incisività: ora Romelu segna e continua a far segnare. Un trascinatore totale per gli uomini di Conte, ed è evidente ad oggi il motivo per cui il leccese lo ha voluto a tutti i costi con sé.

Tante le prestazioni discrete: da D’Ambrosio, certamente il più versatile dei difensori dell’Inter, a Biraghi, autore del momentaneo pareggio, passando per un vivace Sanchez. Eriksen ancora titubante: il danese ha lampi di classe indiscutibili, ma talvolta sparisce dalla manovra che, al contrario, è decisamente più fluida col suo contributo. Ma Conte lo ha chiarito fin da subito: l’Europa League non va snobbata di sicuro, però darà modo a lui stesso di sperimentare e a chi gioca meno di arrivare in condizione nel periodo più difficile della stagione.

Il Ludogorets saluta Milano senza troppi rimpianti: Vrba ha a disposizione degli ottimi palleggiatori, ma è davanti che manca qualcosa: tanti attaccanti tecnici, di manovra, e nessun rapace d’area. Il possesso diventa quindi sterile ed inconcludente, senza che nessuno attacchi la profondità nonostante gli utilissimi movimenti degli esterni, capaci di creare falle nella retroguardia avversaria.





Source link

About The Author

Related posts