Wolfsburg, una notte magica che profuma di Europa

Wolfsburg, una notte magica che profuma di Europa


Wolfsburg schiacciasassi. La formazione di Glasner espugna con un rotondo 4-1 la BayArena lasciando solo le briciole al Bayer Leverkusen.

Di:

26 Maggio 2020 Alle 22:22

Un Wolfsburg da far paura. I Wölfe espugnano la BayArena regolando il Bayer Leverkusen con un 4-1 che non offre diritto di replica. Nel primo tempo la formazione di Glasner aveva dominato fisicamente trovando il vantaggio grazie a Pongracic ma nella ripresa ha dilagato. Arnold, Steffen e ancora Pongracic. La squadra in maglia verde scura sembrava avere un grado di parentela molto distante con quella che nel turno precedente non è riuscita minimamente a fronteggiare il Dortmund. Unica nota positiva per i padroni di casa la prestazione tenace di Wirtz, classe 2003 che nonostante il risultato è stato l’unico a non togliere il piede dall’acceleratore. Con questo successo, ed il contemporaneo pareggio del Friburgo, il Wolfsburg blinda il sesto posto, ultimo piazzamento utile per la prossima Europa League.

La grande notte di Maximilian Arnold

Un gol fortunato, dovuto ad una deviazione involontaria di Havertz, e due assist. Già le statistiche della partita di Maximilian Arnold, centrocampista di professione, sono incredibili ma la prestazione lo è ancora di più. Il tedesco ha dominato tecnicamente non solo la mediana del Bayer ma l’intera gara risultando una costante spina nel fianco dei padroni di casa. I due calci piazzati che hanno portato alla doppietta di Pongracic sono due gioielli balistici per la precisione nell’esecuzione e l’effetto dato al pallone. La colonna del Wolfsburg, ormai sono 9 stagioni che indossa quella maglia, era consapevole dell’importanza della sfida e non è voluto mancare al grande appuntamento.

Wolfsburg

Freisteller,Aktion,Fußball,Deutschland,08 02 2020

La prima (e la seconda) volta di Marin Pongracic

Nello scorso mercato di riparazione Frank Vitter, presidente del Wolfsburg e CEO della Volkswagen, ha firmato un assegno del valore di 10 milioni di euro con destinatario il Red Bull Salisburgo per assicurarsi le prestazioni di Marin Pongracic. Il centrale croato-tedesco classe 1992 sembrava il profilo ideale per puntellare la difesa della squadra di Glasner. La nuova avventura, però, non è iniziata nel migliore dei modi.

Alla seconda apparizione con la maglia dei Wölfe è stato espulso a causa di una gomitata che gli è costata tre turni di squalifica, non il miglior biglietto da visita. Ciò nonostante dopo la sosta il tecnico austriaco ha deciso di dargli una seconda possibilità. Titolare sia nel successo contro l’Augsburg che nella debacle contro il Dortmund ma soprattutto protagonista odierno. Poco prima dell’intervallo Pongracic è riuscito a saltare più in alto di tutti e schiacciare in rete l’assist di Arnold. Nell’ultimo terzo di gara è riuscito a bissare in un’azione fotocopia a quella della prima realizzazione. Le prime marcature in Bundesliga gli daranno maggiore consapevolezza nei propri mezzi e questo sarà fondamentale per centrare un piazzamento europeo.

 



Source link

About The Author

Related posts