14° giornata LBA, Virtus Segafredo Bologna – Pompea Fortitudo Bologna: 94 – 62

14° giornata LBA, Virtus Segafredo Bologna – Pompea Fortitudo Bologna: 94 – 62


Bologna 25 dicembre –

Virtus Segafredo Bologna – Pompea Fortitudo Bologna: 94 – 62

(Q1 22 – 11 / Q2 45 – 25 / Q3 65 –  46)

Virtus Segafredo Bologna: Gaines 5 Deri; Pajola 1; Baldi Rossi 2; Markovic 7; Ricci 8; Cournooh 7; Hunter 15; Weems 32; Nikolic 2; Teodosic 5; Gamble 10.
Coach: Djordjevic

Pompea Fortitudo Bologna: Robertson 12; Aradori 10; Cinciarini 12; Mancinelli 2; Franco NE; Dellosto NE; Leunen; Buscaroli NE; Sims 16; Fantinelli 10; Stipcevic.
Coach: Martino

Arbitri: Paternicò, Begnis, Borgo

Il primo tempo. Markovic, Teodosic, Ricci, Weems e Gamble è il quintetto iniziale scelto da Coach Djordjevic per questo attesissimo derby. Sims segna il primo canestro, Teodosic risponde subito, Gamble schiaccia a canestro e Weems ripete lo stesso gesto tecnico. Virtus avanti 6 a 2. Robertson segna i 3 liberi a disposizione, ancora Gamble appoggia ad una mano la palla del +3, mentre Ricci trova la prima tripla della partita. Ricci trova altri due punti e dopo 5’ il risultato è di 13 a 7. Chiude Teodosic che trova una tripla oltre l’arco portando le Vu Nere a +9. Primo time out chiamato da Coach Martino. Al rientro entra Pajola ed esce Markovic, Aradori segna ma Weems risponde con una bomba dalla destra, Mancinelli dai liberi fa 1/2; 19 a 10 per le Vu Nere. Entrano Hunter, Baldi Rossi e Cournooh, e proprio Hunter sfrutta la parabola di Markovic per segnare e concretizzare il gioco da 3 punti. Termina il primo quarto, Virtus avanti sulla Fortitudo con il parziale di 22 a 11. Il secondo quarto inizia con la tripla di Markovic dalla sinistra, fa seguito il canestro di Hunter che salta e ruba il tempo al suo diretto marcatore, + 16 Virtus. Aradori accorcia lo svantaggio facendo 2/2 ai liberi. Ma è Teodosic che regala un assist no look per Hunter che può solo schiacciare a canestro, la Virtus Segafredo Arena salta in piedi e festeggia i suoi beniamini. 29 a 16 per la Virtus al 14’di gioco. Weems schiaccia il pallone del +15 e la Pompea è costretta a chiamare il Time out. Markovic gira il pallone per Gamble, palla che si infila in rete, la difesa virtussina chiude tutti gli spazi e gli attacchi della Fortitudo si infrangono tra le maglie bianconere. Gamble sotto canestro è scatenato, trova canestri e giocate. Il giro palla della Virtus stordisce gli avversari, Cournooh tutto solo segna la tripla dall’arco, un instante dopo Tap in vincente di Ricci e Virtus che si porta sul 40 a 18 quando mancano 2’ all’intervallo lungo. Sims vince il rimbalzo in attacco, e porta a casa 2 punti per la Fortitudo, Gaines risponde subito e porta le V Nere sul 42 a 20. E’ di Gaines l’ultima bomba del primo tempo. Sirena e squadre che vanno al riposo sul risultato di 45 a 25.

Secondo tempo. La seconda frazione di gioco si apre con i bianconeri che attaccano con Weems, segna e si porta in doppia cifra. Gamble appoggia al ferro dopo che Pajola si inventa una assist al bacio per il numero 45. Ma è ancora Weems che segna con una bomba, si inventa un altro canestro e si porta a 22 punti segnati al 24’di gioco. Gamble si porta anche lui in doppia in cifra, e la Virtus si porta a +24 sulla Fortitudo, 60 a 36 per le V nere. Robertson segna 3 punti e prova a riportare in partita i suoi, ma in difesa i bianconeri vincono tutti i rimbalzi, gli attacchi della Fortitudo non si concretizzano e gli attacchi della Virtus devono essere fermati con le cattive. Hunter segna i 2 liberi a disposizione poco dopo infila in rete l’alley-oop che Teodosic alza per lui. Pajola si conquista 2 liberi, dopo una azione portentosa in solitaria: dribbling e appoggio al ferro che trova l’irregolarità di Sims. Cambio di fronte e Cinciarini ha a disposizione 3 liberi, 2/3 dalla lunetta per il numero 5 della Fortitudo. Ultima azione del terzo quarto,  Sims segna ottiene il fallo e concretizza il gioco da 3 punti. Sirena e terzo quarto che va in archivio sul punteggio di 65 a 46 per la Virtus. Ultimo atto di partita che si apre con Markovic che va a canestro e ottiene i 2 punti. Gli attacchi delle Vu Nere non si fermano, Weems e Hunter regalano gioie e spettacolo ai quasi 9.000 presenti della Virtus Segafredo Arena, sempre Weems impreziosisce la sua partita con due triple dall’arco, 32 punti per il numero 34 bianconero quando mancano 5’ alla fine della gara. 81 a 54 il risultato al 37’ minuto di gioco. Il match si porta ai titoli di coda, lo spettacolo è tutto sugli spalti, Baldi Rossi schiaccia gli ultimi punti di questo 106esimo derby. C’è spazio anche per Nikolic, che trova i primi punti in bianconero. La Virtus Arena canta, il derby ha un vincitore, Bologna è bianconera.



Source link

About The Author

Related posts