Berghuis, la tripletta che rilancia il Feyenoord: Psv battuto e quarto

Berghuis, la tripletta che rilancia il Feyenoord: Psv battuto e quarto


Con la partenza di Stam è rinato Berghuis: l’attaccante rilancia il Feyenoord per la lotta al terzo posto e distrugge un Psv in caduta libera.

Di:

16 dicembre 2019 Alle 9:39

Il Feyenoord travolge per 3-1 il Psv al De Kuip e accorcia la classifica e la corsa al terzo posto: i Boeren, in caduta libera, si ritrovano in quarta posizione, scavalcati dal Willem II. Un altro passo falso di Van Bommel che non puó nulla contro l’organizzazione di Advocaat e la rinascita di Berghuis, capocannoniere della competizione. All’ultima giornata del girone d’andata, la speranza di recuperare un torneo compromesso é aumentata esponenzialmente per i  Rotterdammers.

BERGHUIS RIACCENDE IL FEYENOORD: TERZO POSTO ALLA PORTATA E PSV IN CADUTA LIBERA

Tripletta, tre punti e terzo posto a portata di mano: Berghuis riaccede la stagione del Feyenoord minata, inizialmente, dalla guida di Stam: l’ex tecnico del PEC Zwolle non é riuscito a risollevare una rosa che ha subito delle modifiche con la cessione di elementi importanti come Vilhena. Dopo aver compromesso il girone di Europa League e aver portato i Rotterdammers lontano dalla lotta per il titolo, Stam ha abbandonato il suo incarico per lasciare spazio al ritorno di Advocaat che ha trasformato la compagine biancorossa.

L’allenatore, che ha guidato anche la nazionale olandese, ricostruisce la mentalitá della rosa che risponde con ottime prestazioni: sesto risultato utile consecutivo in Eredivisie con il gradino piú basso del podio a sole 4 distanze. Tutti i membri della squadra si sono rivitalizzati, soprattutto il reparto divensivo, piú attento e meno perforato: solo 4 gol incassati nelle ultime 5 partite, in netto calo rispetto all’inizio di torneo. L’attacco si è accesso, soprattutto Berghuis che ha stravolto gli equilibri facendo volare la societá di Rotterdam: l’esterno offensivo, con una tripletta condita da due penalty, ha affossato definitivamente il Psv, scavalcato dallo staordinario Willem II e rilegato al quarto posto della classifica. Il ragazzo é al quarto centro nelle ultime 3 partite della massima divisione olandese e, personalmente, sale a quota 11 dominando la classifica cannonieri con Dessers, Malen e Boadu. Dopo tanti alti e bassi, Berghuis é tornato ad essere determinante per l’economia del club, auspicando, in passato, anche le realizzazioni dei compagni come Jorgensen e Larsson. Un successo che fa esplodere il De Kuip e che riproietta il Feyenoord nella lotta per il terzo posto: adesso, il girone di ritorno, puó essere affrontato con una personalità differente.

Dall’altra parte della barricata, il Psv si disintegra contro il gioco e la forza del nemico biancorosso che domina dal primo all’ultimo minuto. Van Bommel é in piena crisi di risultati e interrompe una serie positiva di tre gare (2 vittorie e un pareggio). Il passo solido aveva fatto pensare ad una cura trovata per la crisi di ottobre, ma la debacle di Rotterdam sottolinea come i Boeren siano ancora malati e convalescenti. Malen delude, Bergwijn non punge, Doan è evanescente e la difesa ingenua e distratta: tanti piccoli particolari che spianano la strada ai Rotterdammers che si avvicinano e minacciano il terzo posto. Si chiude nel peggiore dei modi il girone d’andata e, il ritorno, non promette nulla di buono.

 



Source link

About The Author

Related posts