Bundesliga: la stagione dell’Eintracht Francoforte

Bundesliga: la stagione dell’Eintracht Francoforte


Una stagione complicata per l’Eintracht Francoforte che ha faticato a trovare il giusto equilibrio dopo le cessioni di Jovic, Haller e Rebic.

Di:

16 Luglio 2020 Alle 14:06

Una stagione tormentata quella vissuta dall’Eintracht Francoforte; alti e bassi di una squadra che ha faticato a trovare l’equilibrio giusto dopo le cessioni di Jovic, Rebic ed Haller. I tre, capaci di trascinare le Adler nella passata stagione, hanno influito all’interno di una Bundesliga nata sicuramente con aspettative maggiori di un nono posto finale. Prima di pensare al prossimo anno bisogna affrontare il ritorno degli ottavi di Europa League anche se, per passare il turno, bisogna rimontare un pesante tre a zero subito nel match di andata. Impresa piuttosto difficile anche se nell’ultimo periodo l’Eintracht aveva trovato continuità di prestazioni e soprattutto risultati.

Eintracht Francoforte, una stagione con alti e bassi

Eintracht Francoforte, stagione

Getty Images

Il punto più alto per i ragazzi di Hutter è stato, senza ombra di dubbio, il cinque a uno rifilato al Bayern Monaco in un match in cui si è rivisto il gioco di una squadra capace di incantare l’Europa nella scorsa stagione. La vittoria contro i bavaresi, però, non ha permesso all’Eintracht di trovare la continuità all’interno di una Bundesliga molto complicata. Cambiare l’intero reparto offensivo in una volta sola è stato forse troppo per una squadra che è stata costretta a modificare il proprio stile di gioco. I nuovi leader dell’attacco, André Silva e Bas Dost, hanno chiuso il campionato rispettivamente con dodici e otto goal; un rendimento positivo nonostante i due abbiano faticato ad adattarsi immediatamente alla nuova squadra. In ogni caso il club deve ripartire da loro due per tornare ad alti livelli. Altro elemento imprescindibile è Martin Hinteregger difensore con il vizio del goal (otto in questa Bundesliga); giocatore forte fisicamente, bravo nel gioco aereo e nell’uno contro uno, ha dimostrato di essere un centrale di assoluto valore. Per quanto riguarda il centrocampo non possiamo non parlare di Kostic; il classe 1992 dispone di una tecnica superiore alla norma e dalle sue giocate passano tutte le manovre di gioco dell’Eintracht.

Come migliorare la rosa? Fare operazioni di mercato, in questo periodo, non è per nulla semplice ma le Adler devono provare a cogliere le giuste opportunità; alla squadra, probabilmente, serve un altro difensore in grado di guidare il reparto e un centrocampista capace di dare equilibrio e prendersi la responsabilità nei momenti complicati.

Le ambizioni del club

L’Eintracht deve ripartire dai dieci punti conquistati nelle ultime quattro partite di Bundesliga in cui il club ha finalmente trovato equilibrio e identità di gioco. Dal punto di vista degli obiettivi, le Adler sono chiamate a lottare per l’Europa League; passato l’anno di transizione si deve tornare tra le prime sette della classifica.



Source link

About The Author

Related posts