Caio Henrique, l’attesa del passaporto e la chance all’Atlético

Caio Henrique, l’attesa del passaporto e la chance all’Atlético


Caio Henrique diventerà comunitario nei prossimi mesi: sarà lui l’alternativa a Renan Lodi per il ruolo di terzino sinistro dell’Atlético Madrid

Di:

29 Maggio 2020 Alle 17:30

Per sicurezza a sinistra c’è un brasiliano. Da anni all’Atlético Madrid la pensano così: l’era d’oro di Diego Simeone è stata caratterizzata dai terzini mancini della stessa nazione, prima con Filipe Luis, ora con Renan Lodi. E i risultati sono stati decisamente positivi visto che l’ormai laterale del Flamengo è stato uno dei migliori al mondo nel suo ruolo, e il suo erede colchonero è probabilmente l’acquisto più azzeccato di tutta la scorsa campagna acquisti, una delle più numerose di sempre della storia dell’Atleti. Ma brasiliano dovrebbe essere anche il sostituto di Lodi, Caio Henrique.

caio henrique gremio

(Photo by SILVIO AVILA/AFP via Getty Images)

Il terzino mancino attualmente al Grêmio è nell’orbita Atlético Madrid da diverse stagioni, ma dopo vari prestiti in giro per il Brasile potrebbe finalmente arrivare l’occasione della vita in Liga. A facilitare le cose sarà il suo passaporto da comunitario, che dovrebbe arrivare in tempo per il via della prossima stagione, recentemente annunciata da Tebas per il 12 settembre: sistemati i cavilli burocratici, e liberato il posto da extracomunitario per il tesseramento, Caio Henrique potrebbe diventare l’alternativa che Simeone cerca a Renan Lodi.

È salito di colpi in maniera importante nella sua ultima esperienza al Grêmio, una delle big del calcio brasiliano recente, specializzata soprattutto nelle doppie sfide andata e ritorno più che nel cammino costante in campionato. Ha cominciato nel Santos ma ha girato tante piazze del suo Paese, tra Paraná e Fluminense per trovare la sua dimensione. Ma in una squadra come quella allenata da Renato, in cui i terzini come lui e Léo Gomes hanno una funzione fondamentale, era chiaro che trovasse maggiormente fiducia e giocate vincenti.

La necessità di avere un cambio di Lodi è urgente all’Atlético, visto che in rosa di fatto non ci sono mancini di ruolo: Vrsaljko e Arias sono destri e si è persino abbassato Saúl sulla linea dei difensori per cercare di compensare il buco in alcune occasioni. Caio Henrique a 23 anni sembra la soluzione adatta per completare la rosa, molto più del canterano Manu Sánchez, che pur avendo ottime prospettive, con soli 19 anni ha bisogno di un’esperienza in cui trovare minutaggio, per non essere buttato nella mischia senza esperienza. L’esordio con l’Osasuna è stato buono, ma è chiaro che la prima squadra preferirà fare affidamento sul terzino che rinnova l’ottima tradizione brasiliana dei Colchoneros.



Source link

About The Author

Related posts