Intercontinental Cup 2020, Virtus Segafredo Bologna – Iberostar Tenerife: 72 – 80

Intercontinental Cup 2020, Virtus Segafredo Bologna – Iberostar Tenerife: 72 – 80


Tenerife, 9 febbraio –

Virtus Segafredo Bologna – Iberostar Tenerife: 72 – 80

(Q1 11 – 16/ Q2 32 – 42/ Q3 54-67)

Virtus Segafredo Bologna: Marble 11, Pajola, Baldi Rossi 3, Markovic 11, Ricci 15, Delia 2, Cournooh, Hunter 4, Weems 2, Nikolic ne, Teodosic 12, Gamble 12.
Coach: Djordjevic

Iberostar Tenerife: Lundberg 8, Yusta 3, Huertas 23, Salin 12, Shermadini 18, Lòpez ne, White 10, Bogris, Guerra, Cabrera ne, Suarez, Konate 6.
Coach: Vidorreta

Arbitri:Vazquez, Glisic, Kallio

 

Il primo tempo. Teodosic, Markovic, Weems, Ricci e Gamble è il quintetto iniziale schierato da Coach Djordjevic per questa finale della Coppa Intercontinentale. Partita tesa con rapidi cambi di fronte, la posta in palio è alta e le squadre non vogliono sbagliare. Gamble è il primo ad aprire le marcature, seguito da Stefan Markovic. Sempre Gamble si porta in lunetta, mentre Ricci segna la prima tripla della gara. Inizio perfetto della Segafredo che si porta sul 7 a 0 dopo 5’ di gioco. Salin segna il primo canestro per i padroni di casa, per la Virtus esce Gamble ed entra Hunter, mentre le difese ora chiudono tutti gli spazi. White riceve il pallone sotto canestro e schiaccia a rete, Huertas fa 1/2, ma i bianconeri rispondono con Ricci e si portano sul 9 a 4. Entrano Baldi Rossi e Marble, mentre Shermadini trascina i suoi compagni e porta la squadra delle Canarie a – 2.  Teodosic va in lunetta e fa 2/2, ancora Shermadini risponde facendo 2/2 ai liberi, Tenerife attacca ed entra spesso nel pitturato, e da li costruisce i punti necessari a riportare il punteggio in parità, 11 a 11 quando mancano 1’ e 30’’ alla fine del primo quarto. Il centro Georgiano sotto le plance è implacabile, prende spazi e rimbalzi, così facendo i padroni di casa si portano avanti e chiudono i primi 10’ minuti di gioco sul punteggio di 11 a 16. Teodosic, Pajola, Marble, Baldi Rossi e Delia aprono il secondo quarto, ed è proprio la Virtus a trovare il canestro del -3, mentre un possesso gestito male ed intercettato da Konate, porta la squadra di Coach Vidorreta sul punteggio di 13 – 18. Time out chiesto da Coach Djordjevic. Teodosic penetra nel pitturato e segna, Salin risponde con finta e tiro dalla destra del canestro, Delia schiaccia su assist di Markovic mentre Konate, tra una selva di mani infila il canestro che mantiene lo svantaggio della Segafredo a -5. 2/2 ai liberi per Lundberg, Salin infila la tripla del +10 Tenerife e la Virtus chiama il time out. Markovic prende il pallone, corre, semina gli avversari e con una mano appoggia la palla al ferro, Shermadini concretizza il gioco da tre punti, ma l’alley oop di Markovic per Weems ridà speranze a Bologna. Huertas trova i tre punti dall’arco, Markovic fa 2/2 ai liberi accorciando lo svantaggio della Virtus. Ma è in area che Tenerife prevale sulle V Nere, prende falli e dai liberi non sbaglia quasi mai. Teodosic gestisce il possesso, passa il pallone a Gamble che segna e conquista il bonus, gioco da tre punti che non si concretizza. Guerra sbaglia un’alley oop già apparecchiata per essere messa in rete,  e la Virtus segna con Gamble, 27 a 35 Tenerife a 1’ e 40’’ dall’intervallo lungo. Altra tripla di White e 2/2 ai liberi di Konate portano sul -13 Bologna. Baldi rossi mette la bomba da tre punti, Markovic, sfruttando il Pick and Roll di Delia, penetra in area e appoggia al ferro. La Segafredo vuole andare al riposo con il minimo scarto possibile, ma Shermadini mette l’ultimo canestro del primo tempo. Sirena e squadre al riposo sul punteggio di 32 a 42 Tenerife.
Il secondo tempo. Teodosic, Markovic, Weems, Baldi Rossi, e Gamble è il quintetto di partenza del secondo tempo. Huertas segna da tre punti, Teodosic risponde allo stesso modo, ancora tripla di Huertas e libero di Gamble che si infila in rete. E’ Ancora Teodosic a riportare il la Virtus sul – 10. Gamble, su assist di Markovic, schiaccia a rete, 42 a 50 Tenerife. Shermadini torna a fare la voce grossa in area, mentre entra Hunter ed esce Gamble tra le file bianconere, la squadra di Coach Vidorreta mette il turbo e si porta sul +15, grazie anche alla tripla di Salin. Hunter fa 2/2 ai liberi, Ricci segna dall’arco ma Yusta risponde allo stesso modo; la gara delle triple continua con Teodosic e Huertas. Hunter viene lanciato a rete e segna il canestro del 52 – 63 Tenerife quando mancano 1’30’’ alla fine del terzo quarto. Ricci risponde, su assist di Markovic, al canestro di Marcelinho. Sirena e partita che si porta alla sua fase finale sul punteggio di 54 – 67 per i padroni di casa. Ultimo atto di partita che si apre con la tripla Marble dalla destra del canestro, riportando così la Virtus sul -10. Ancora la Virtus in attacco, Marble dalla lunetta fa 2/2 e accorcia lo svantaggio bianconero, Ricci segna la tripla che porta le V nere sul 64 a 69 quando mancano 5’ a fine della gara. White si porta in lunetta fa 1/2, Marble segna un’altra tripla, questa volta quella del -3, ma Shermadini risponde infilando la palla in rete subito dopo. 67 a 72 Tenerife al 37’ di gioco. I padroni di casa hanno perso la vena realizzativa, la stanchezza di si fa sentire, Bologna spinge, ma una palla persa di Marble fa ripartire il contropiede delle Canarie, che tirano e si portano sul +9 a 2’ e 34’’ dalla fine di questa gara. Resta poco tempo, la tripla di Markovic dona speranza alla Virtus, -6 ad 1’ e 12’’; possesso Virtus con un minuto ancora da giocare, fallo di Ricci, Huertas fa 2/2 e porta i padroni di casa sul 70 a 78 a 40’’ dalla fine. Gamble si porta in lunetta e fa 1/2, Salin subisce il fallo successivamente e fa bottino pieno, 71 a 80. Altro giro in lunetta, questa volta per Marble, anche lui 1/2.
Non c’è più tempo. Finisce 72 a 80 per Tenerife. Il Club spagnolo si aggiudica l’edizione 2020 della Coppa Intercontinentale.



Source link

About The Author

Related posts