LBF, 21° GIORNATA: VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA VS LA MOLISANA MAGNOLIA CAMPOBASSO: 80 – 68

LBF, 21° GIORNATA: VIRTUS SEGAFREDO BOLOGNA VS LA MOLISANA MAGNOLIA CAMPOBASSO: 80 – 68


Bologna, 27 febbraio –

 

Virtus Segafredo Bologna vs La Molisana Magnolia Campobasso: 80 – 68
(Q1 25-8 ; Q2 44-28 ; Q3 65-48)

 

Virtus Segafredo Bologna: D’Alie 5, Begic 9, Tassinari 16, Bishop 2, Tava 3, Possenti n.e., Tartarini, Barberis 15, Battisodo 14, Cordisco, Williams 16, Rosier n.e.
Coach: Serventi

La Molisana Magnolia Campobasso: Marangoni 10, Gorini 21, Tikvic n.e., Bonasia 14, Wojta 8, Quinonez 9, Bove 5, Amatori 1, Egwoh, Ostarello n.e.
Coach: Sabatelli

 

La partita.

Tornano alla vittoria le ragazze della Virtus Segafredo Bologna che vincono in casa con Campobasso 80-68, dopo una gara condotta sin dall’inizio dalla squadra di coach Serventi contro una Magnolia Campobasso mai doma e che fino alla fine ha provato ad impensierire la squadra bianconere. Valeria Battisodo, autrice di 14 punti, supera quota 2000 punti segnati in Serie A.

Parte forte la Virtus, grazie soprattutto alla coppia Battisodo-Barberis che si trova spesso e volentieri e dà il là al primo vantaggio Virtus. Campobasso per alcuni minuti non riesce a trovare tiri puliti per la buona difesa della Segafredo che è poi brava a correre in contropiede e a trovare canestri facili con Williams in campo aperto. 25-8 il risultato con cui si chide il primo quarto alla Segafredo Arena. Al rientro in campo Campobasso si scuote e trova qualche canestr consecutivo che obbliga coach Serventi al timeout. Dopo il minuto di sospensione la Virtus ricomincia a macinare gioco, soprattutto grazie alle scorribande offensive di Williams e Tassinari che all’intervallo scrivono sul tabellone 44-28. Nel terzo periodo, come spesso accade, la Segafredo prende il largo: prima Tava poi Tassinari, due volte dall’arco, segnano il +22 per la squadra bianconera. La Virtus riesce con facilità ad attaccare la difesa a zona delle avversarie, nonostante l’uscita dal campo di Bishop per un colpo alla spalla. Le ragazze bianconere trovano bene Begic nel cuore dell’area avversaria che fa male alla difesa molisana. La Virtus rimane in controllo, fino a metà dell’ultimo periodo: Campobasso con tenacia e caparbietà rientra fino al -10, ma sono poi ancora Battisodo e Barberis a spezzare il ritmo delle avversarie e mettere la partita in ghiaccio. Finisce 80-68. Virtus che tornerà in campo venerdì, nei quarti di finale contro Sesto San Giovanni.



Source link

About The Author

Related posts