Liga, la partita da non perdere: Athletic-Atlético

Liga, la partita da non perdere: Athletic-Atlético


Nel ricchissimo turno Athletic-Atlético è un big match assolutamente imperdibile. Entrambe hanno fatto meglio in coppa ma sognano la ripresa in Liga

Meglio di così la Liga non poteva ricominciare: il primo turno post sosta presenta in programma tantissime sfide d’élite, con due derby cittadini tra Siviglia e Valencia, il ritorno dopo 8 anni del Barcellona a Mallorca e anche una classicissima come Athletic Bilbao-Atlético Madrid.

Difficile in un lotto così completo scegliere quale sia la partita da non perdere, visto che l’appetibilità è alta in tutti gli incontri, ma il ritorno in campo di Athletic e Atlético può essere particolarmente simbolico per la stagione di entrambe. Fin qui infatti i due club a strisce verticali biancorosse della Liga hanno dato il meglio al di fuori del contesto Liga, ma hanno bisogno di un grande finale per provare a ottenere un buon piazzamento anche in campionato.

(Photo by JAVIER SORIANO / AFP)

Athletic, tra la Copa in salsa basca e l’inizio del post-Aduriz

L’Athletic è ancora in corsa per un piazzamento nelle prime sette, anche se il suo obiettivo è inevitabilmente quello di portare a casa la Copa del Rey, dove è arrivato fino alla finale. non c’è ancora una data ufficiale per il festival del calcio basco, la finalissima con la Real Sociedad, che probabilmente verrà posticipata fino a quando non sarà permesso di avere il pubblico al completo sugli spalti.

La squadra di Garitano dovrà cominciare in questa sfida dal forte legame storico una nuova era, quella post-Aduriz. Il ritiro del leggendario centravanti dei leones segna un prima e un dopo nella storia del club, che comunque aveva già imparato a convivere con la sua assenza visto il fastidiosissimo infortunio all’anca che lo aveva tenuto fuori per gran parte della stagione.

Atlético Madrid, il quarto posto prima del sogno Champions

Per quanto riguarda l’Atlético Madrid la stagione è stata concentrata invece fin qui sullo strepitoso cammino in Champions League. Dopo un girone chiuso mestamente alle spalle della Juventus è arrivata la grande impresa agli ottavi contro il Liverpool campione in carica, una qualificazione che di suo già vale la stagione, ma che ha fatto incredibilmente tornare l’appetito di un tempo a un gruppo che sembrava abbandonato a se stesso in una stagione in cui si salvavano solamente le primissime uscite. Ora l’Atlético si illude anche di poterla vincere la Champions, conscio di aver ritrovato la sua va mentalità, ma la divisione del calendario permetterà a Simeone di concentrare inizialmente le energie sul campionato, dove necessariamente deve chiudere nelle prime quattro, prima di andare all-in sul torneo che per i Colchoneros rappresenta un’autentica maledizione.

(Photo by Alex Caparros/Getty Images)

I giocatori da seguire

Per quanto riguarda l’Athletic il calciatore che ha rubato l’occhio quest’anno è l’eclettico centrocampista Dani García, che a 30 anni e alla seconda stagione a San Mamés, ha trovato un’incredibile consapevolezza dei propri mezzi fino a diventare il vero leader di un centrocampo in cui gradualmente vari senatori come Beñat e San José gli sono finiti alle spalle nelle gerarchie.

Da seguire anche il faccia a faccia con Thomas, ormai oggetto del desiderio di tante squadre in Europa, su tutte l’Arsenal. Un centrocampista fortissimo che spesso viene dimenticato dai radar delle big europee, ma che dopo le prestazioni da 9 in pagella contro il Liverpool è ormai riuscito a farsi notare per il suo altissimo target.



Source link

About The Author

Related posts