Liga, la partita da non perdere: il Clasico

Liga, la partita da non perdere: il Clasico


Il Clasico è senza dubbio la gara più affascinante del campionato. Quest’anno lo è ancora di più: Real-Barça come finale anticipata della Liga

Di:

28 Febbraio 2020 Alle 18:13

Il Clasico come finale anticipata della Liga 2019/2020. Il prossimo 01/03 è una data da cerchiare sul calendario perché partite così non si giocano ogni anno. Real-Barça al Santiago Bernabeu in uno degli scontri più equilibrati degli ultimi anni. La banda di Setién guida sorprendentemente LaLiga a +2 proprio sui blancos. Sorprendentemente perché soltanto un paio di giornate fa era avanti il Madrid.

Distrazione Champions

Fonte: Twitter Ufficiale Napoli

Andiamo con ordine. La prestazione dei blaugrana al San Paolo è quasi totalmente da dimenticare. Si salva soltanto il risultato di uno a uno in Italia, risultato nel complesso positivo in ottica qualificazione. Il Barça dimostra i soliti problemi in trasferta: manca troppo spesso un approccio positivo e la mentalità giusta per offrire la stessa prestazione che i culè offrono di solito al Camp Nou. E la differenza tra i punti conquistati in casa e quelli in trasferta lascia sbigottiti: 37 su 39 disponibili a Barcellona, soltanto 18 su 36 lontano dalla Catalogna.

Antonio Mateu Lahoz dirigerà un incontro imperdibile e carico di tensione in un momento cruciale della stagione delle entrambe le squadre.

Fonte: Twitter Manchester City

Dall’altra parte il Real Madrid di Zidane. E se questa è una finale, i blancos hanno l’uomo giusto in panchina, l’uomo in grado di vincerne 9 su 9. Il Real, quasi perfetto in questo campionato, sta attraversando il momento peggiore della sua stagione. Nell’ultimo mese Ramos e compagni sono stati eliminati dalla Real Sociedad in Copa del Rey e hanno ottenuto un solo punto tra Levante e Celta Vigo. Non meno bruciante la questione Champions League. In una gara apertissima il Real è crollato in casa (1-2) contro il City di Guardiola, dopo essere passati in vantaggio grazie alla rete di Isco. Se la qualificazione in Champions potrebbe considerarsi quasi compromessa, il Clasico con il Barça è l’occasione per Zidane di rimettere il treno sulle rotaie giuste.

I duelli del Clasico

Il Clasico è sempre una gara a parte. Lo 0-0 dell’andata non rispecchia assolutamente il film della partita: novanta minuti di occasioni a tinte blancos con i blaugrana dipendenti dalle giocate di Leo Messi. Da quel pareggio sono trascorsi poco più di due mesi e difficilmente assisteremo ancora a una partita a reti bianche. Scopriamo i duelli più interessanti di questa sfida:

  • Valverde-De Jong: da una parte una delle maggiori sorprese della Liga, dall’altra l’olandese per cui il Barça ha sborsato circa 80 milioni di euro. Il futuro e il presente del Clasico.
  • Vidal-Isco: occupano la stessa posizione nel campo, quella di intermedio/trequartista. Sul mercato sia in estate che a gennaio per poi diventare gli uomini di fiducia di Zidane e Setién. Gli allenatori ci puntano e loro vogliono concludere La Liga da protagonisti
  • Vinicius-Ansu Fati: il brasiliano sta conquistando posizioni, anche grazie all’infortunio di Eden Hazard. Da un anno a questa parte si ha finalmente la sensazione che Vinicius sia in costante crescita. Ansu Fati sembrava essere diventato titolare con l’infortunio di Luis Suarez e invece il Barça è sceso in campo senza di lui negli ultimi incontri. Nonostante questo recente declassamento le sue qualità gli permettono di essere una mina vagante del prossimo Clasico.

 



Source link

About The Author

Related posts