L’ultima chance di Coutinho

L’ultima chance di Coutinho


L’infortunio di Lewandowski regala una grande chance a Coutinho; l’ex Inter può convincere la dirigenza a pagare il diritto di riscatto.

L’infortunio di Lewandowski, subito nell’andata degli ottavi di Champions League contro il Chelsea, regala una grande occasione (l’ultima) a Philippe Coutinho. Il trequartista brasiliano, in questo periodo di assenza del numero nove, troverà più spazio nel 4-2-3-1 di Flick; l’inizio è stato confortante con una doppietta nel sei a zero rifilato dal Bayern all’Hoffenheim. Il problema è trovare quella continuità che è sempre mancata nella carriera di un giocatore tanto forte quanto incostante. L’eventuale riscatto da parte del Bayern Monaco (la richiesta del Barcellona è passato da 120 a 80 milioni) passa da questo, decisivo, mese.

Coutinho, il mese decisivo

Arrivato in estate per sopperire ad un reparto con poche alternative, sta vivendo la sua solita stagione: altalena di buone prestazioni e match in cui non è riuscito ad incidere. Stagione che, al momento, sembra impedirgli la possibilità di continuare la propria avventura con la maglia del Bayern Monaco visti gli ottanta milioni che la dirigenza bavarese dovrebbe sborsare. La soluzione? cambiare marcia. Coutinho deve dimostrare di poter sfruttare il proprio talento con continuità e non a corrente alternata. Le qualità per essere uno dei migliori nel suo ruolo ci sono tutte: abile nel saltare l’uomo, nel creare superiorità numerica, è in grado di ricoprire tutti i ruoli alle spalle della prima punta. Il problema principale dei suoi fallimenti sportivi è l’aspetto mentale; in troppe circostanze esce del tutto dal match, isolandosi nella sua zona senza essere di aiuto alla squadra. Al Bayern la situazione non sembra essere cambiata e la prova si è avuta contro lo Schalke, nei quarti di finale di DFB-Pokal, dove il numero dieci ha fornito una prova incolore.

Coutinho rischia di essere uno dei più grandi rimpianti a livello calcistico; giocatore di indiscusso talento ma senza quella capacità mentale per sfruttarlo nel migliore dei modi. Questo finale di stagione ci dirà se qualcosa è cambiato.



Source link

About The Author

Related posts