Premier League, la partita da non perdere: Arsenal-Manchester City

Premier League, la partita da non perdere: Arsenal-Manchester City


Salvare la stagione attraverso le coppe: è l’obiettivo principale di Arsenal e Manchester City, le protagoniste della partita da non perdere del weekend

Di:

14 dicembre 2019 Alle 9:00

Dopo il cambio in panchina, l’Arsenal lancia la sfida al Manchester City per provare a raggiungere la zona Champions League. Il big match della diciassettesima giornata di Premier League è quello fra due grandi deluse di questo campionato: da Gunners e Citizens ci si aspettava molto di più, ma al momento più che in Premier League le speranze forti sono nelle coppe continentali, dato che entrambe puntano fortemente a vincere Champions ed Europa League, due obiettivi sfumati in modo differente nella scorsa stagione.

Il risveglio dell’Arsenal

Photo by Marc Atkins/Getty Images

Dopo aver salutato Unai Emery ed aver accolto Fredrik Ljungberg, ex idolo della tifoseria nei suoi trascorsi a Londra come giocatore, l’Arsenal ha finalmente trovato la via della vittoria con il 3-1 nel derby contro il West Ham, una partita delicata che ha sancito nel migliore dei modi il nuovo corso della squadra. Per convincere davvero però all’ex calciatore svedese serve una vittoria di prestigio: il Manchester City quindi diventa la preda più ambita per ridare fiducia ai Gunners che potrebbero approfittare del momento poco brillante della squadra di Guardiola per affondare il colpo e provare a risalire in classifica fino alla zona Champions League, obiettivo dichiarato della squadra che in ogni caso proverà a conquistare l’accesso alla competizione attraverso la porta dell’Europa League.

L’ambizione europea del City

Photo by Michael Regan/Getty Images

Anche a Manchester la testa è tutta in Europa. La capolista Liverpool è ormai a 14 punti di distanza e la sconfitta subita nel derby contro lo United ha mandato in crisi un ambiente che si era abituato a dominare in lungo e in largo in Premier League. Quattro sconfitte in 16 partite giocate sono un dato poco rassicurante per Guardiola, al quale toccherà studiare un piano B per provare a riaprire un campionato già virtualmente chiuso, vista anche la concorrenza di un Leicester che non si accontenterà di essere una semplice comparsa. Ecco perché le attenzioni potrebbero essere quasi tutte rivolte verso la Champions, un trofeo prestigioso che il City non ha mai vinto nel corso della sua centenaria storia e che all’allenatore catalano manca dai tempi del Barcellona.

Segui Footbola anche sulla nostra pagina Facebook.



Source link

About The Author

Related posts