Scocca l’ora di Camavinga a Parc OL: primo gol in Ligue 1

Scocca l’ora di Camavinga a Parc OL: primo gol in Ligue 1


Di:

15 dicembre 2019 Alle 19:30

Il Rennes agguanta il quarto posto superando il Nantes, vincente a Nimes. Con la vittoria contro il Lione in trasferta, basterà vincere il recupero contro lo stesso Nimes per superare il Lille e prendersi la terza piazza. Una partita noiosa e con poche occasione, risolta dall’individualità della stellina Camavinga: 17 anni compiuti lo scorso mese e già con il centrocampo sulle spalle. Una rete nata dall’intuito e dalla personalità di chi, palla al piede, non teme nessuno

Va dato atto al Lione che la giornata non è sembrata subito delle migliori con un Depay non al meglio, poi sostituito da Terrier, e l’infortunio di Reine Adélaïde. I due uomini chiave quando c’è da inventarsi qualcosa: quando, cioè, le difese sembrano più chiuse del previsto. Dembelé ha ricevuto pochi palloni giocabili e i subentranti Terrier e Traoré apparsi poco ‘sul pezzo’. Molto negativa la prova di Andersen, non tanto per i 90′ in toto quanto per la sufficienza con cui ha affrontato Camavinga in occasione del gol. Ha difeso affrontando il giovane bretone ‘piatto’, come non si vede nelle peggiori categorie della provincua. Un’ingenuità che vale i fischi di Parc OL che non risparmia la squadra in una partita che poteva dire molto. OL che non dà seguito all’immensa gioia per una qualificazione agli ottavi di Champions agguantata nell’ultima partita con la super rimonta al Lipsia.

Il Rennes, invece, dimostra che, nonostante una formazione molto fresca e giovane, sa imporsi a buoni livelli di gioco e risultati. Contro la Lazio, in Europa League, ben 8 titolari tra il 1997 e il 2001 e una vittoria che assume contorni di epicità se pensiamo a quanto futuro abbia già il presente del Rennes.

Prima della rete di Camavinga, ci aveva provato Bourigeaud a prendersi la scena nel primo tempo. Sulla sua punizione, però, è bravissimo Anthony Lopes a farsi trovare pronto. Importantissimi gli ingressi di Hunou e Del Castillo che hanno dato imprevedibilità alla manovra offensiva bretone. Queste sostituzioni hanno dato frequenza agli attacchi alla porta del Lione che è sembrato sempre meno in grado di contrastarli. Prima Hunou fa sponda per Niang che devia bene, ma fuori; poi, lo stesso ex Milan e Toro, si trova sui piedi l’occasione più ghiotta della partita. La palla da destra è tesa e invitante: Lopes ‘stecca’ l’intervento e Niang ha la porta libera, ma Rafael lo ferma sul più bello. Una chance che sa di sliding door, ma nessuno aveva fatto i conti da Camavinga.

Una palla raccolta a centrocampo e nessuna pressione da parte dei padroni di casa permettono al giovane di galoppare verso la porta avversaria. Andersen viene saltato scolasticamente e Rafael non riesce a intervenire in tempo: Anthony Lopes può solo deviare, ma il 2002 del Rennes ha finalmente coronato il suo sogno.



Source link

About The Author

Related posts