tanti rimpianti tra Champions ed Europa League

tanti rimpianti tra Champions ed Europa League


Le olandesi in Europa sono piene di rimpianti: l’Ajax getta la qualificazione, il Feyenoord è distratto e il Psv si sveglia tardi. Ko indolore per l’AZ.

Di:

13 dicembre 2019 Alle 11:46

Le olandesi chiudono la loro avventura europea tra tanti rimpianti e occasioni mancate: in Europa League le delusioni portano il nome di Psv e Feyenoord, eliminate entrambe in gironi abbordabili. Anche l’Ajax giunge terzo in Champions, fallendo l’ultima gara contro il Valencia che costa la retrocessione nella seconda competizione del vecchio continente. L’unico sorriso, nonostante il ko all’Old Trafford, arriva dall’AZ Alkmaar, che accede ai sedicesimi riuscendo a restare a galla in un gruppo equilibrato e che nascondeva insidie importanti.

LE DELUSE D’EUROPA: MEA CULPA DI PSV, FEYENOORD E AJAX

Fonte immagine: ad.nl

Grandissima delusione in Europa per le big dell’Eredivisie che falliscono tutti gli obiettivi che si erano prefissate. Partiamo proprio dall’Ajax che riesce a gettare alle ortiche un girone che ha dominato, insieme al Chelsea, dalla prima gara disputata a settembre. Gli ajacidi inciampano solo contro gli inglesi in due gare strane e sfortunate, ma nonostante tutto restano in testa al girone. Contro gli spagnoli sarebbe bastato un punto per mettere il piede agli ottavi di finale, ma la sconfitta riporta la formazione di Ten Hag con i piedi per terra: una prima frazione di gioco regalata e una ripresa disputata con la cattiveria giusta, ma con pochissimo tempo a disposizione. Gli spagnoli buttano fuori i ragazzi di Amsterdam che si dovranno accontentare dell’Europa League dove c’é il rischio di pescare la Roma.

Moltissimi rimpianti li ha il Psv che, nella piena crisi di novembre, ha deciso di buttare il passaggio ai sedicesimi:

Fonte immagine: ad.nl

le sconfitte pesanti con il LASK e con lo Sporting hanno portato i Boeren al terzo posto in classifica, escludendo Van Bommel dalla fase ad eliminazione diretta. Un vero peccato visto l’ottimo inizio di stagione dei biancorossi di Eindhoven che hanno mostrato un gioco verticale, ordinato e cinico con Malen e Bergwijn trascinatori indiscussi della compagine. I loro infortuni hanno stravolto gli equilibri della squadra che non é riuscita a tenere alta la concetranzione, mentre il reparto offensivo ha peccato sotto porta non garantendo piú l’apporto di realizzazioni del passato. L’unica nota positiva, nell’ultima partita giocata contro il Rosenborg é il recupero dello svantaggio che ha sottolineato come la rosa stia guarendo dopo il pessimo periodo di novembre. Van Bommel puó sorridere per Ihattaren che a soli 17 anni si sta confermando ad altissimi livelli con ottime prestazioni in Europa. Adesso testa al campionato con uno svantaggio importante dall’Ajax, ma che puó essere colmato senza commettere ulteriori sbagli.

Fonte immagine: ad.nl

Infine chiudiamo con il Feyenoord che é rimasto all’ultimo posto del gruppo G: anche in questo caso l’occasione é stata sprecata in girone alla portata dei Rotterdammers che hanno pagato il periodo di crisi con Stam. L’arrivo di Advocaat ha messo ordine negli schemi e nelle idee e i 5 risultati utili in campionato hanno testimoniato il grande miglioramento con un attacco tornato finalmente a segnare. Peccato in Europa dove il tecnico non é risciuto nel miracolo: all’ultima giornata, per poter accedere ai sedicesimi, sarebbe servita la vittoria contro il Porto e il contemporaneo successo dei Rangers. Il primo tempo, contro i portoghesi, é pirotecnico con il 3-2 finale che prende forma nei primi 45 minuti: a Luis Diaz e all’autorete di Malacia, hanno risposto Bottenghin e Larsson riportando immediatamente la paritá dopo il doppio svantaggio. Prima del duplice fischio la beffa firmata da Soares che chiude i conti e la qualificazione per il Feyenoord. Advocaat dovrá pensare solo al campionato e centrare quel terzo posto che varrebbe oro dopo il complicatissimo avvio di stagione.

L’AZ CROLLA IN INGHILTERRA, MA SORRIDE PER LA QUALIFICAZIONE

L’unico sorriso, in Europa, arriva dall’AZ anche dopo il poker incassato dal Manchester United all’Old Trafford.

Fonte immagine: ad.nl

Le due formazioni erano giá qualificate dalla scorsa giornata e avevano da giocarsi solo il primato del girone. I ragazzi di Slot, disputano ottimamente un solo tempo, crollando inesorabilmente nella ripresa in vista anche del big match di domenica contro l’Ajax dove un successo porterebbe Alkmaar in testa con gli ajacidi. La difesa, il vero valore aggiunto della squadra, non puó nulla contro la tecnica superiore degli avversari che passano prima con Young e successivamente con Greenwood (doppietta) e Mata. L’AZ chiude al secondo posto ed accede ai sedicesimi di finale dove potrebbe incontrare Benfica, Salisburgo e Siviglia, club da evitare assolutamente. Slot ci ha sorpreso con il suo gioco e la grinta della sua rosa: non é da sottovalutare questa squadra che ha ancora tanto da dare alla competizione con Idrissi e Boadu in cerca di una consacrazione europea.



Source link

About The Author

Related posts